Campionati Mondiali Di Ginnastica Artistica Stoccarda 2019

I campionati del mondo di ginnastica artistica sono la massima competizione internazionale per questa specialità. Quest’anno siamo giunti alla 49° edizione, analizziamo un po’ la storia della manifestazione e le favorite per le medaglie.

Storia dei Campionati

La manifestazione più importante nel calendario annuale della ginnastica artistica sono i campionati del mondo, negli anni senza olimpiadi. Attualmente si svolgono a cadenza annuale, ma non è sempre stato così. Dopo la prima edizione del 1903 in Belgio, la kermesse si è svolta a cadenza variabile, ogni due anni, ogni quattro anni, o con pause più lunghe come dal 1913 al 1922 o dal 1938 al 1950 a causa delle guerre di quei periodi.

Il programma di gara è diviso in maschile e femminile. Gli atleti devono gareggiare in più specialità, due di queste comuni fra i due sessi: volteggio e corpo libero. Tra gli altri attrezzi utilizzati ci sono il cavallo con maniglie, gli anelli, la sbarra e le parallele simmetriche per gli uomini, e trave e parallele asimmetriche per le donne.

Durante le qualificazioni gli atleti gareggiano per la loro nazionale su quattro (femminile) o sei (maschile) attrezzi. I punteggi ottenuti in questa sessione non valgono per le medaglie, ma sono usati per determinare quali 8 nazioni parteciperanno alla finale a squadre e i 24 singoli ginnasti che prenderanno parte alla finale individuale all around (per tutti gli attrezzi) e gli 8 che parteciperanno alle finali di specialità. Il metodo di gara è il 5-4-3: cinque ginnasti per squadra, quattro competono in ogni evento, tre punteggi vengono presi in considerazione.

L’inarrivabile Unione Sovietica è la regina del medagliere storico dei campionati (111 medaglie d’oro), con a ruota Cina (82) e Stati Uniti (53) che stanno riducendo il gap visto che la prima in classifica non esiste più. Dietro le prime tre troviamo altre nazioni che si sono più o meno contraddistinte negli anni come Giappone e Romania oltre ad un’altra nazione non più esistente come la Cecoslovacchia. L’Italia è al 12° posto in questa speciale classifica con 14 medaglie d’oro, ma la top ten è davvero vicina, al 10° posto troviamo infatti due nazioni non più esistenti e quindi prima o poi le supereremo: Germania Est e Jugoslavia.

Il miglior risultato nella competizione generale a squadre è stato il terzo posto e quindi medaglia di bronzo in campo maschile nei campionati 1909, 1911 e 1913 ed in campo femminile nel 1950.

Nell’all around individuale possiamo invece vantare un oro femminile nel 2006 con Vanessa Ferrari, oltre al bronzo dell’anno dopo, e una medaglia d’argento maschile di Romeo Neri nel lontano 1934.

Stoccarda 2019

291 uomini e 259 donne provenienti da 93 nazioni di tutto il mondo sono i qualificati a questa prossima edizione che si terrà per la quinta volta in Germania.

Inutile parlare di possibilità di medaglia per gli atleti e le atlete italiane, sia come squadre che come specialità individuali e all around non siamo assolutamente al livello degli atleti più bravi né per quanto riguarda le specialità maschili, né per le specialità femminili. Siamo comunque accreditati alla vigilia tra i probabili finalisti in quasi tutte le specialità, però le possibilità di uscire medagliati sono ridotte al minimo, sarebbe davvero una sorpresa incredibile e significherebbe un exploit assolutamente imprevisto alla vigilia.

La regina indiscussa e più attesa di questi campionati mondiali di ginnastica artistica 2019 è Simone Biles. La statunitense è già quattro volte campionessa olimpica e membro della nazionale statunitense vincitrice della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016. È l’unica ginnasta nella storia a vincere quattro titoli mondiali (Anversa 2013, Nanning 2014, Glasgow 2015 e Doha 2018), la prima a vincerne tre consecutivamente. Con 14 medaglie d’oro è la ginnasta ad aver vinto più titoli mondiali nella storia e, con 25 medaglie vinte tra Mondiali e Olimpiadi, è divenuta la ginnasta più vincente degli Stati Uniti d’America.

Quest’anno, Simone Biles punta semplicemente a conquistare tutte e 6 medaglie d’oro disponibili, le 4 individuali di specialità, l’all around e la finale di squadra con la nazionale americana.

Sicuramente le avversarie (anche sue connazionali) saranno agguerritissime e pronte a darle del filo da torcere e questi campionati mondiali si preannunciano davvero spettacolari.

Lascia un commento