Coppa: il Napoli mette fuori combattimento la Lazio

Il Napoli ha vinto un drammatico quarto di finale di Coppa Italia per eliminare i detentori della Lazio, una partita con due cartellini rossi, un rigore mancato, la rete centrata ben quattro volte e due gol non validati.

I vincitori di questo appuntamento andranno ad affrontare la Fiorentina o l’Inter nelle semifinali a due.

I detentori del trofeo in carica, i biancocelesti, avevano una squadra quasi in piena forma, mancando di fatto solo Luis Alberto e Danilo Cataldi, ed erano in corsa per 11 vittorie consecutive in Serie A. In una forma molto diversa è il Napoli, poiché Gennaro Gattuso ha perso quattro delle sue cinque partite di Serie A da quando è subentrato a Carlo Ancelotti. Stanislav Lobotka e Diego Demme sono entrati per la prima volta, ma Dries Mertens, Kalidou Koulibaly, Nikola Maksimovic, Allan, Faouzi Ghoulam e Kevin Malcuit sono rimasti infortunati.

C’è stata una marcia in più per i padroni di casa, dato che gli ultras sono tornati sugli spalti dopo essere stati sospesi la loro protesta contro le restrizioni.

Non avrebbe potuto essere un inizio migliore per un Napoli in difficoltà, perché in 90 secondi avevano preso il comando. Il Capitano Lorenzo Insigne fece tutto da solo, dribblando a sinistra e piazzando attraverso Thomas Strakosha nell’angolo in basso in fondo con l’interno dello stivale destro da un angolo stretto.

Tuttavia, la Lazio ha reagito subito, dato che Berisha ha respinto un tiro di Sergej Milinkovic-Savic e Elseid Hysaj ha intercettato l’intervento su Felipe Caicedo per il rimbalzo, portando a un rigore. Il dramma è continuato, con Ciro Immobile nella sua città natale che è scivolato durante la rincorsa e ha calciato il rigore in aria con l’altro piede.

Hysaj commette un altro errore evitabile, lanciandosi in un placcaggio per fermare Immobile nell’area per il suo secondo cartellino giallo, lasciando il Napoli a 10 uomini dopo soli 19 minuti. Gattuso ha dovuto adattarsi, il che significa che il debutto di Lobotka è durato solo 22 minuti.

Anche la partita di Lucas Leiva non è durata a lungo, visto che è stato duramente penalizzato per un tackle su Piotr Zielinski, per poi aggiudicarsi subito un altro cartellino giallo per aver insultato l’arbitro. Sebbene il primo giallo fosse discutibile, il VAR non può essere utilizzato su richiesta.

Si rinizia 10 contro 10. Entrambi i giocatori saranno sospesi per la prossima partita di Coppa, in quanto si tratta di un torneo separato per la Serie A.

Subito dopo il riavvio, Strakosha ha perso una palla facile ed è stato accidentalmente preso da un calcio in testa da Arkadiusz Milik mentre si lanciava per smorzare.

Immobile e il sostituto Joaquin Correa hanno messo alla prova David Ospina da lontano, ma il Napoli è stato fortunato che quando Ospina ha battuto orribilmente il tiro al volo di Immobile per vederlo entrare in rete, l’attaccante è stato messo in fuorigioco.

Correa ha tirato poco dopo, mentre la Lazio stava aumentando la pressione e bloccando i padroni di casa nella propria metà per lunghi periodi. Tuttavia, Milik ha quasi raddoppiato il vantaggio del Napoli con una spinta a sorpresa in avanti, con un colpo di testa finito sul palo.

Anche la Lazio ha fatto tremare la rete con un tiro al volo di Immobile che rimbalza sulla traversa al 84° minuto, seguito poco dopo dall’altra parte dal tiro ad effetto di Mario Rui che colpisce il palo lontano.

Al 89° minuto, la Lazio ritrova la parte posteriore della rete, con un angolo di Manuel Lazzari che ha colpito il palo e Francesco Acerbi ha girato su rimbalzo, ma tutto su fuorigioco.

Mentre la Lazio provava il tutto per tutto all’ultimo minuto, con il colpo di testa di Marco Parolo che si è trasformato in un altro corner, la loro battaglia per difendere la Coppa Italia era ormai già persa.

Napoli 1-0 Lazio

Insigne 2 (N)

Napoli: Ospina; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Lobotka (Luperto 22), Demme, Zielinski; Callejon (Elmas 68), Milik, Insigne (Fabian Ruiz 77)

Lazio: Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu (Patric 70); Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva, Parolo, Lulic (Jony 76); Immobile, Caicedo (Correa 54)

Lascia un commento