Coronavirus – Olimpiadi Tokyo 2020 Rinviate

Con il totale di casi confermati vicino al mezzo milione in tutto il mondo e le vittime accertate che sono ampiamente oltre le 20.000, il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ed il governo del Giappone hanno confermato che i Giochi Olimpici di Tokyo, programmati a partire dal prossimo 24 Luglio, verranno rinviati ad una data successiva, che non dovrà essere più lontana dell’estate 2021.

Il Primo Ministro del Giappone, Shinzo Abe, ed il presidente del Cio, Thomas Bach, hanno motivato la decisione dicendo che è stata presa per salvaguardare la salute di atleti e di chiunque sia coinvolto nell’organizzazione della manifestazione.

I leader mondiali sono tutti d’accordo sul fatto che i Giochi Olimpici di Tokyo possano essere visti come un faro di speranza nel mondo durante questi tempi difficili, e che la torcia olimpica possa essere la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova in questo momento. La fiamma olimpica resterà quindi accesa in Giappone e il nome di queste Olimpiadi non cambierà: Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.
La decisione del rinvio è dovuta anche alla minaccia di alcuni Comitati Olimpici Nazionali di ritirare gli atleti dalla manifestazione se questa non dovesse essere annullata, come ad esempio Canada e Australia.

Un rinvio che permetterà la ripresa delle attività agonistiche di tutti quegli sport che sono stati fermati a causa del virus e che non hanno dato il tempo a certi atleti di garantirsi la partecipazione ai Giochi ottenendo il punteggio di qualificazione.
Europa, Usa e Australia hanno fermato tutto e solo pochi (irresponsabili?) lasciano giocare come niente fosse, ad esempio Svezia, Bielorussia e Russia.

I Giochi della XXXII Olimpiade

Le gare si sarebbero dovute svolgere dal 24 luglio al 9 agosto 2020 a Tokyo, città che ha vinto il 7 Settembre 2013 il ballottaggio finale per l’assegnazione contro le città di Istanbul (2a) e Madrid (3a). È la seconda volta che Tokyo ospita una Olimpiade, era già successo nel 1964
Alle competizioni avrebbero partecipato atleti provenienti da 136 nazioni da 5 continenti. Il 9 dicembre 2019 la WADA ha infatti deciso di estromettere la Russia dai giochi olimpici e da tutte le competizioni internazionali per i successivi 4 anni in conseguenza di recidiva sui controlli antidoping. La Russia, quindi, non potrà partecipare per via delle pesanti accuse di doping, mentre gli atleti russi in regola parteciperanno sotto una bandiera neutrale, ma non potranno prendere parte alle gare a squadre

In 15 giorni, si disputeranno 339 eventi (a Rio de Janeiro erano 306, 33 di meno) in un totale di 49 discipline diverse appartenenti a 33 sport: Arrampicata sportiva (2), Atletica leggera (48), Badminton (5), Baseball (1), Beach volley (2), Calcio (2), Canoa/kayak (16), Canottaggio (14), Ciclismo (22), Equitazione (6), Ginnastica (20), Golf (2), Hockey su prato (2), Judo (15), Karate (8), Lotta (18), Nuoto (37), Nuoto artistico (2), Pallacanestro (4), Pallamano (2), Pallanuoto (2), Pallavolo (2), Pentathlon (2), Pugilato (13), Rugby a 7 (2), Scherma (12), Skateboarding (4), Softball (1), Sollevamento pesi (16), Surf (1), Taekwondo (8), Tennis (5), Tennistavolo (5), Tiro a segno (15), Tiro con l’arco (5), Trampolino elastico (1), Triathlon (3), Tuffi (8) e Vela (10).
Il Paese ospitante può proporre di aggiungere degli sport in programma. Questa regola permette ad ogni Paese ospitante di aggiungere al programma olimpico eventuali sport popolari in quel Paese, in modo da accrescere l’interesse locale. Per far parte della manifestazione, la

Carta Olimpica prevede che uno sport maschile debba essere praticato in almeno 75 Paesi di 4 continenti, mentre per gli sport femminili la diffusione deve essere in almeno 40 Paesi di 3 continenti. La popolarità della disciplina è quindi fondamentale. Per questo motivo, il Comitato Olimpico Internazionale ha deciso che alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 saranno accolti cinque nuovi sport: surf, skateboard, karate, arrampicata sportiva e baseball/softball (che erano già stati uno sport olimpico separatamente, nel 1992 e nel 2008). Tra gli sport non ammessi ci sono squash, wakeboard, wushu e bowling.

Di seguito, alcuni eventi che faranno il loro debutto olimpico:

Atletica: 4×400 mista

Nuoto: 800 stile libero uomini, 1.500 stile libero donne, 4×100 mista

Tiro con l’arco: prova a squadre miste

Basket: 3×3

Ciclismo: BMX freestyle, madison

Judo: prova a squadre miste

Tennistavolo: doppio misto

Triathlon: staffetta mista

Lascia un commento