Coronavirus e sport: F1, ritorno a luglio

Il tanto atteso ritorno della Formula 1 è stato finalmente annunciato, e l’Austria sarà il paese ospitante. Joachim Löw ha fissato una data per il ritorno dei giocatori tedeschi e i giocatori del Bayern Monaco hanno subito un altro taglio di stipendio.

30 maggio

— Zero positivi negli ultimi test della Premier League

Sabato, la Premier League ha confermato i zero risultati positivi al test per il coronavirus dopo che 1.130 giocatori e staff di tutti i 20 club sono stati testati per la quarta volta.

La Premier League è provvisoriamente pronta a far ripartire la stagione 2019/20 il 17 giugno.

— F1, il ritorno dal 5 luglio

Il governo austriaco ha annunciato sabato che la stagione di Formula Uno 2020 inizierà con il Gran Premio d’Austria il 5 luglio.

Anche il circuito di Spielberg, che sarà senza spettatori per le gare, ha ricevuto il via libera per disputare una seconda gara il fine settimana successivo.

L’approvazione arriva dopo che gli organizzatori della F1 hanno presentato un piano completo e professionale per contrastare la diffusione del COVID-19.

— Löw fiducioso del ritorno a settembre

In una intervista pubblicata sul sito web della Federazione Calcio Tedesca (DFB), l’allenatore Joachim Löw ha dichiarato che lui e il suo staff stanno lavorando di nuovo dopo la pausa per il coronavirus.

“Ci stiamo preparando mentalmente per settembre – se giocare sarà di nuovo possibile “, ha affermato Löw.
Dopo che le amichevoli contro Spagna e Italia che dovevano essere giocate a marzo sono state annullate, la Germania non ha più giocato dal novembre 2019.

— Il Bayern fa un ulteriore taglio di stipendi

I giocatori del Bayern Monaco hanno accettato un taglio di stipendio fino alla fine della stagione per aiutare i campioni della Bundesliga a superare la crisi del coronavirus, ha rivelato il presidente del club Herbert Hainer.
In aprile, la squadra del Bayern ha subito una riduzione di stipendio del 20 per cento. Hainer non ha dichiarato quanto grande sia stato il taglio di stipendio questa volta.

29 maggio

— La Serie A conferma il ritorno

La Serie A tornerà il 20 giugno, dopo che il Ministro dello Sport italiano Vincenzo Spadafora ha dato il via libera al governo per la ripresa del campionato il 20 giugno. Il calcio della serie A tornerà in Italia dopo un’assenza forzata di tre mesi a causa del coronavirus.

La Serie A tornerà con le seguenti partite:

Atalanta vs. Sassuolo
Hellas Verona vs. Cagliari
Inter Milan vs. Sampdoria
Torino vs. Parma

28 maggio

— La Premier League rilancia per il riavvio

Il 17 giugno, secondo un rapporto della BBC, il calcio inglese tornerà con la Premier League. I club della Premier League sono stati impegnati in trattative per la maggior parte della giornata di giovedì e sembra che la stagione riprenderà con Aston Villa vs. Sheffield United e Manchester City vs. Arsenal.

Una volta che queste saranno state giocate, tutte le 20 squadre avranno ancora nove partite. Mentre il Liverpool ha bisogno di almeno due vittorie per ricucire il suo primo titolo in campionato da quando è nata la Premier League nel 1992, anche se ci sono ancora alcuni problemi da risolvere.

27 maggio

— La Premier League rilancia per il riavvio

La massima divisione inglese ha fatto un passo avanti verso una ripresa in stile Bundesliga dopo l’incontro di mercoledì. Tutti i 20 club hanno votato a favore di un ritorno all’allenamento con contatti, compresi i contrasti, dopo la chiusura della Premier League indotta dal coronavirus.

“Le squadre sono ora in grado di allenarsi in gruppo e di impegnarsi nell’affrontarsi, riducendo al minimo ogni inutile contatto ravvicinato”, si legge in una dichiarazione della lega. “La priorità della Premier League è la salute e il benessere di tutti i partecipanti”.

Questa è considerata la seconda fase del “Progetto Riavvio” in tre fasi, che mira a rimettere in moto la lega, ma ci sono ancora diversi ostacoli da superare.

— La J League si prepara a seguire il baseball per tornare in campo

Il campionato di calcio di punta del Giappone è pronto a riprendere la sua stagione, a poche settimane dal campionato di baseball professionistico del paese.

La J-League dovrebbe annunciare ufficialmente i suoi progetti venerdì, secondo l’agenzia di stampa giapponese Kyodo, che riferisce che le partite riprenderanno il 27 giugno o il 4 luglio.

Lo stato di emergenza è stato recentemente revocato in Giappone, permettendo allo sport di considerare il ritorno. Come nella maggior parte dei casi, i tifosi non potranno partecipare mentre si discute sulla regionalizzazione delle competizioni per ridurre gli spostamenti.

26 maggio

— Amiens e Lione contestano la decisione della Ligue 1

Il club francese Amiens si è unito al Lione nel giuramento di impugnare la decisione di chiudere la stagione di Ligue 1 in anticipo davanti al Consiglio di Stato, il più alto tribunale amministrativo della Francia.
Il club si oppone alla decisione del 30 aprile della Lega Francese di Calcio (LFP) di terminare la stagione a causa della pandemia di coronavirus, dopo che il governo ha dichiarato che le competizioni sportive non potranno riprendere prima di settembre.
L’Amiens è stata retrocessa dalla Ligue 1 come seconda penultima squadra in classifica in base ai punti per partita, con 10 turni ancora in programma.

25 maggio

— Buone notizie per gli atleti professionisti della Gran Bretagna

Il governo britannico ha dichiarato che gli atleti professionisti possono tornare ad allenarsi a pieno regime, ma spetta ai singoli sport stabilire quando si ritiene che sia sicuro farlo.

Il governo consiglia di iniziare con gruppi di due o tre atleti, per poi passare a gruppi da quattro a dodici prima di iniziare l’allenamento completo di squadra.

“Questa nuova guida segna l’ultima fase di un ritorno graduale al processo di allenamento per gli atleti professionisti, progettato per limitare il rischio di infortuni e proteggere la salute e la sicurezza di tutti gli atleti coinvolti”, ha affermato lunedì il ministro dello sport Nigel Huddleston.

— Il baseball giapponese riparte con la stagione

La stagione di baseball professionistico giapponese si aprirà il 19 giugno con un piano che esclude i tifosi, il commissario della lega Atsushi Saito ha annunciato lunedì dopo un incontro online con i rappresentanti delle 12 squadre del campionato

L’annuncio è arrivato dopo la revoca dello stato di emergenza a Tokyo e nell’isola settentrionale di Hokkaido da parte del primo ministro Shinzo Abe. Lo stato di emergenza è stato revocato all’inizio di questo mese per altre parti del Paese.

Spero che possiamo fornire una guida per gli sport diversi dal baseball professionistico”, ha aggiunto Saito. “È importante operare con cautela secondo le nostre linee guida”.

23 maggio

— La Liga ottiene il permesso per il ritorno

La Liga, la divisione più importante del calcio spagnolo, può tornare in azione dall’8 giugno, ha annunciato sabato il primo ministro Pedro Sanchez. Il calcio spagnolo è stato sospeso dal 12 marzo, anche se i club delle due principali divisioni sono tornati ad allenarsi in gruppo.
La Liga non ha ancora confermato ufficialmente la data in cui riprenderà la sua attività, anche se il suo presidente Javier Tebas ha affermato in precedenza che auspicava che la stagione potesse iniziare l’11 giugno.
“Siamo molto soddisfatti della decisione, ma è il risultato del grande lavoro di club, giocatori, allenatori, CSD (Consiglio Nazionale dello Sport) e agenti coinvolti”, ha spiegato Tebas su Twitter. “E’ molto importante seguire le regole sanitarie. Non possiamo abbassare la guardia”.

22 maggio

— Il Werder Bremen prende in prestito dalla banca statale

Il Werder Bremen ha ammesso di aver ottenuto un prestito dalla KfW Bank, di proprietà dello Stato, per superare i problemi di liquidità causati dalla crisi del coronavirus.
Un portavoce del club ha confermato al Der Spiegel che si stanno svolgendo i colloqui finali sulla questione e che il Bremen sta cercando il sistema di aiuti della banca per superare la crisi del coronavirus. Il prestito, comprensivo di interessi, dovrà essere restituito entro sei anni, secondo quanto riferito.

— Djokovic organizza ‘Adria Tour’.

Con i tour ATP e WTA in sospeso a causa dell’epidemia di coronavirus, il numero 1 al mondo nel tennis maschile, Novak Djokovic, ha messo a punto un piano per organizzare un torneo nei paesi dell’ex Jugoslavia il mese prossimo. Un portavoce del serbo ha annunciato venerdì che l’Adria Tour si terrà in Serbia, Croazia, Bosnia e Montenegro dal 13 giugno al 5 luglio.

Oltre a Djokovic, che venerdì ha festeggiato il suo 33° compleanno, anche il n. 3 mondiale, l’ austriaco Dominic Thiem, e il bulgaro Grigor Dimitrov, al 19° posto, hanno confermato la loro partecipazione.
Non è ancora chiaro se l’Adria Tour sarà aperto agli spettatori o se verrà trasmesso solo in televisione, ma il comunicato afferma che le entrate generate andranno a sostenere vari progetti umanitari regionali.

— La star dell’NBA Schröder garantirà il futuro del club della sua infanzia

Mentre la Bundesliga è diventata il primo grande campionato di calcio al mondo a tornare a giocare con successo nonostante la pandemia di coronavirus in corso, i campionati sportivi minori in Germania, con flussi di entrate in gran parte gate-driving, stanno cercando di capire come resistere fino alla prossima stagione.

Tra queste c’è la Basketball Bundesliga, che ha in programma di nominare un campione con un torneo a porte chiuse a 10 squadre a Monaco di Baviera il mese prossimo. Sette degli altri club della massima serie tedesca hanno scelto di non partecipare, per concentrarsi sulla pianificazione della prossima stagione.

Tra questi il Basket Löwen Braunschweig, ma il club, che aveva sofferto di ” crisi finanziaria” a causa dell’epidemia di coronavirus, ora sembra essere al sicuro dopo che la star tedesca dell’NBA Dennis Schöder – che ha giocato nelle giovanili del club, si è fatta avanti per diventare l’unico proprietario – a partire dal 1° luglio.

“Braunschweig è la mia città natale, voglio restituire qualcosa alla regione”, ha detto il playmaker di OKC Thunder in una dichiarazione sul sito web del club che annunciava la notizia. ”Sono convinto che possiamo svilupparci ulteriormente e fare di questa squadra un club di successo”, ha aggiunto Schröder.

21 maggio

— La Dynamo Dresden segnala altri test positivi

La Dynamo Dresden di seconda divisione ha annunciato che i loro ultimi test COVID-19 hanno dato esito positivo per un giocatore e un’altra persona collegata a un dipendente.
La Dynamo Dresden, che si trova in fondo alla classifica della Bundesliga 2, è rimasta in quarantena per 10 giorni dopo che i test iniziali hanno mostrato una serie di casi positivi e i primi due incontri della ripresa del calcio tedesco sono stati riprogrammati. Il ritorno all’ allenamento del club era previsto per sabato mattina.
“Dovevamo aspettarci che nella quinta serie di test sarebbero venuti alla luce altri casi. Il caso aggiuntivo nella nostra squadra è la prova che l’autorità sanitaria di Dresden ha agito in modo altamente professionale e responsabile nonostante l’enorme pressione pubblica”, ha spiegato l’amministratore delegato della Dynamo, Ralf Minge.

— La Bundesliga femminile ha la data d’inizio

La Bundesliga femminile tornerà il 29 maggio, con i leader in fuga del Wolfsburg che ospiteranno il Colonia, ha annunciato la DFB (FA tedesca). La terza divisione tedesca, anch’essa gestita dal DFB, riprenderà il 30 maggio.
“La ripresa è un momento storico, in quanto siamo la prima lega professionistica femminile in Europa a tornare a giocare, con le massime precauzioni di sicurezza possibili per le giocatrici e lo staff”, ha detto il presidente del Comitato delle leghe DFB Siegfried Dietrich.

Un fondo di solidarietà di 20 milioni di euro (22 milioni di dollari) fornito dalle squadre maschili di Champions League Bayern Monaco, Borussia Dortmund, RB Leipzig e Bayer Leverkusen “ha posto le basi per il ritorno della Bundesliga femminile”, ha aggiunto Dietrich.

— Bach ammette che le Olimpiadi potrebbero dover essere annullate

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha dichiarato alla BBC che le date olimpiche fissate per il 2021 sono l'”ultima opzione” per i Giochi di Tokyo, facendo riferimento alla posizione del Giappone sulla questione.

A marzo, le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono state rinviate al 23 luglio 2021 a causa della pandemia di coronavirus e Bach ritiene che l’incertezza non possa essere indefinita.

“Non si può cambiare ogni anno l’intero calendario sportivo mondiale per tutte le principali federazioni”, ha dichiarato. “Non si può permettere che gli atleti si trovino nell’incertezza, non si può avere una tale sovrapposizione con una futura Olimpiade”.

Le Olimpiadi non sono mai state cancellate tranne che per le Guerre Mondiali.

20 maggio

— Il presidente UEFA è fiducioso sul ritorno dei tifosi

Il presidente della UEFA Aleksander Ceferin è fiducioso che “il buon vecchio calcio con i tifosi tornerà molto presto” nonostante il caos causato dalla pandemia di coronavirus.

Le competizioni nazionali e continentali per club sono state interrotte in tutta Europa a metà marzo a causa della crisi causata dal COVID-19 ed EURO 2020 è stato rinviato.

“Non credo che questo virus durerà per sempre. Penso che (cambierà) prima di quanto molti pensino”, ha affermato Ceferin a The Guardian. “Non mi piace questa visione apocalittica secondo cui dobbiamo aspettare la seconda e la terza ondata o anche una quinta ondata”.

— Gasol elogia gli sforzi compiuti dal Barcellona per far fronte alla crisi

Il giocatore di basket spagnolo e ambasciatore del Barcellona Pau Gasol ha elogiato l’impegno del club a donare soldi alla lotta contro il coronavirus.

Il Barcellona ha annunciato in aprile che per la prima volta avrebbe destinato il denaro ricavato dalla vendita dei diritti di denominazione del proprio stadio della prossima stagione per combattere la pandemia.
“Lo sport è uno dei pilastri principali della società”, ha sottolineato Gasol in una videoconferenza organizzata dall’Università di Havard. Ne abbiamo un esempio con il FC Barcelona, per l’iniziativa di donare per aiutare a gestire il Covid-19″. Dobbiamo essere consapevoli che siamo un modello da seguire in un momento di bisogno come questo”.

— Seoul FC in acqua calda

Dopo il 18 maggio, la squadra di calcio sudcoreana FC Seoul è stata soggetta a sanzioni, tra cui l’espulsione dal proprio stadio, per aver messo delle bambole gonfiabili nei posti vuoti durante la partita dello scorso fine settimana.

La K-League è uno dei pochi campionati di calcio operativi durante la pandemia di coronavirus, con partite giocate in stadi vuoti. I tentativi dell’ FC Seoul di migliorare l’atmosfera si sono rivelati falliti nonostante la vittoria per 1-0 contro il Gwangju di domenica.

“Ci scusiamo profondamente con tutti coloro che sono preoccupati per la sfortunata situazione che si è verificata”, ha detto il club. “Riesamineremo le nostre procedure interne per assicurarci che ciò non accada più”.

19 maggio

— Sei test positivi in Premier League

Con le squadre che iniziano a tornare ad allenarsi in piccoli gruppi, la Premier League ha annunciato che i propri club hanno riportato sei test positivi al coronavirus dopo che 748 giocatori e lo staff di 19 club si sono sottoposti al test. I restanti club hanno effettuato successivamente i test, quindi i risultati non sono ancora disponibili.

Il campionato punta a ripartire a metà giugno, ma questa data sembra sempre più improbabile.

— La ripresa della Serie A è nel limbo

La FIGC, federazione nazionale italiana, ha modificato la data provvisoria di ripresa della Serie A dopo che un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha bloccato gli eventi agonistici fino al 14 giugno.
“Sperando in ulteriori e positive decisioni da parte delle autorità competenti, ( La FIGC) ha esteso la sospensione delle attività sportive fino al 14 giugno”.

I funzionari del governo hanno finora rifiutato di fissare una data per il ritorno alle competizioni, in quanto monitorano il declino del contagio in tutto il Paese.

— Il Bayern Monaco annuncia un torneo per la raccolta fondi

Bayern Monaco, Inter e Real Madrid si affronteranno in un torneo “quando il calcio potrà essere nuovamente giocato davanti agli spettatori” per raccogliere fondi per combattere il coronavirus in Spagna e in Italia.
Il Bayern inviterà 5.000 tra infermieri, badanti e medici alla partita in casa in onore del loro “eccezionale lavoro per la società in questo momento”, ha dichiarato Karl-Heinz Rummenigge.

Lascia un commento