Nuovo Milan, stessi problemi.

Dopo un’estate di ottimismo, con un nuovo allenatore, una serie di giovani giocatori promettenti e la leggenda Zvonimir Boban tornano per unirsi all’ex compagno di squadra Paolo Maldini nella parte sportiva del progetto, che è andato in rovina in solo cinque partite. Un totale di due vittorie e tre sconfitte, con solo tre gol segnati (due dei quali erano di rigore) e cinque subiti, non è una buona lettura per i fan di lunga data dei 18-volte vincitori dello Scudetto.

Tuttavia, non sono solo i risultati a rendere infelici i tifosi milanesi, ma le scarse prestazioni in campo.

La scorsa stagione, Mr Gattuso è stato licenziato perché è stato detto che lo stile di gioco non era in linea con le tradizioni dei sette volte campioni d’Europa. Il suo sostituto fu Marco Giampaolo, un uomo che si mangiò le mani con Empoli e Sampdoria. Il tattico nato in Svizzera ha sviluppato una reputazione per le sue squadre che giocano uno stile di calcio divertente, usando una formazione per lo più 4-3-1-2. Le sue squadre hanno mostrato un pressing e un gioco rapido ed erano generalmente interessanti da guardare.

A distanza di qualche mese tutti si chiedono, dove sono quelle esibizioni? La perdita di ieri sera a Torino è stato un classico esempio dei pro e dei contro del Diavolo sotto Giampaolo.

Il primo tempo in Piemonte è stato il miglior 45 minuti di calcio che il Milan ha giocato finora in questa stagione. Hanno giocato più in alto in campo, bloccato i terzini e i centrocampisti della Granata, riconquistato il possesso in breve tempo e soprattutto creato possibilità. Poco prima del 20 ° minuto, la nuova recluta Rafael Leao ha vinto un rigore alla sua squadra, dopo essere stato spinto dal terzino del Torino Lorenzo De Silvestri. Krzysztof Piatek si è fatto avanti per dare il vantaggio alla squadra in trasferta e tutto sembrava andare bene nel campo di Milano.

Salvatore Sirigu ha fatto un salvataggio eccezionale! Era un segno delle cose a venire?

La risposta è decisamente no. Giampaolo ha commesso un errore orrendo subito dopo il sessantesimo che ha influenzato il resto della partita.

Ha fatto uscire il vivace Leao e mettendo dentro Bonaventura. Ora, non è un problema far entrare Giaciomo, ma perché mai ha tolto l’attaccante portoghese che sembrava pericoloso per tutto il gioco? Ha fatto lo stesso errore sbalorditivo nel Derby della Madonnina, ancora una volta, quando il 20enne sembrava davvero pericoloso. Perché non far uscire Suso, la cui performance è stata ancora una volta deludente…

Non è stata una sorpresa che il Toro abbia notato quella sostituzione come una brutta scelta da parte di Giampaolo e si è spinto ancora più in offensiva, segnando due volte in soli cinque minuti con Andrea Belotti, per portare a casa i punti.

In generale la gestione di gioco di Giampaolo è stata scadente e quell’atmosfera negativa creatasi in campo non è il motivo per cui è stato chiamato al club. Ha usato anche solo due delle sostituzioni disponibili, il che è interessante notare che era uno in più rispetto a quello utilizzato nel Derby. Qualcuno deve dirgli che gli sono concessi tre!

Ogni volta che una squadra non sta andando bene, la responsabilità non è solo del manager, ma del CEO, del direttore sportivo, dell’intero staff tecnico e dei giocatori. Ivan Gazidis, Maldini, Boban ecc. Devono continuare a lavorare per invertire questa situazione e presto.

Questa settimana, i rossoneri e i loro rivali di città, l’Inter, hanno annunciato i piani per uno stadio nuovo di zecca, che dovrebbe aprire nel 2022. Sarà la volta buona che il Milan tornerà a dare spettacolo?

Lascia un commento