UEFA Nations League: Italia – Portogallo 0-0

Mancini soddisfatto della gara e della squadra, ma il Portogallo si assicura la vetta del girone A3, rimanendo imbattuto negli ultimi cinque incontri dagli ultimi mondiali.

Gli azzurri hanno avuto le migliori occasione, ma hanno sprecato tante opportunità di messa in rete e l’intensità è andata via via sfumando durante il corso della partita. Questo pareggio significa dunque che nessuno può più spodestare il Portogallo dalla leadership del gruppo.
Al secondo posto l’Italia, che ha già disputato tutti e quattro gli incontri, mentre il Portogallo sfiderà la Polonia martedì.
Mancini è soddisfatto della prestazione dei suoi 11 e accende speranze senza disperarsi troppo per aver perso l’occasione per le Finals di Nations League.
Ha visto una squadra che ha migliorato tanto e ha dato prova di essere all’altezza dei rossoverdi. Il goal non è arrivato ma gli azzurri hanno dominato il primo tempo. “Ho visto una squadra che ha compiuto un passo in avanti e questo è importante. Il Portogallo è superiore alla Polonia ma comunque abbiamo fornito un’altra prestazione all’altezza. È mancato il gol, che è un particolare importante, ma non possiamo dimenticare che nel primo tempo abbiamo dominato. Mancini ha anche contestato i fischi contro Bonucci dicendo: “I fischi non dovevano esserci, fortunatamente dopo un quarto d’ora sono finiti. Qui gioca la Nazionale e vanno incitati tutti come si è sempre fatto […] Anche Immobile lascerà il ritiro e rientrerà a casa”.

Il Portogallo giocherà gli ultimi quattro incontri (e possibilmente la finale) in casa, dopo l’annuncio della Uefa di voler portare la Nations League nel Paese, in particolare nelle città di Porto e Guimaraes a inizio giugno 2019.

Il Portogallo ha battuto i rivali del Gruppo A3, Italia e Polonia rivendicando i propri doveri di padrone di casa, che dovrebbero essere confermati dal Comitato Esecutivo dell’Uefa nel loro incontro a Dublino lunedì 3 dicembre – lo stesso giorno in cui si svolgerà il sorteggio per le finali.

Ronaldo ancora assente mentre Chiellini ne compie 100

La squadra di Fernando Santos è stata ancora una volta senza il pluripremiato attaccante da record, la punta della Juventus Cristiano Ronaldo, contro il paese in cui ora gioca il suo calcio.

Il 33enne non si è ritirato dal gioco internazionale, ma si sta prendendo una pausa dopo l’estate dei mondiali disputati in Russia, e il suo passaggio dal Real Madrid alla Juve.
È mancato alla propria nazionale nell’incontro a Milano. Anche con giocatori creativi come Bernardo Silva, Ruben Neves e Andre Silva in squadra, non sono riusciti a rappresentare una minaccia significativa per i padroni di casa, in particolare durante il primo tempo.
Il portiere di casa Gianluigi Donnarumma ha fatto solo un salvataggio significativo – anche se brillante – da un tiro a distanza di William Carvalho durante un secondo tempo migliorato mostrato dagli ospiti.

Un fattore che ha contribuito alla mancanza di attacco da parte Portogallo è stato il difensore azzurro Giorgio Chiellini, che ha conquistato la centesima presenza in maglia azzurra, diventando così il settimo giocatore italiano a raggiungere il traguardo.
Capitanando bene la propria squadra, ha giocato eccellentemente nella sua lettura di gioco e nei suoi ruoli difensivi – il tutto culminato in un superbo tackle a bloccare un tiro di Bruma all’inizio della partita.
Sfortunatamente per la squadra di casa, sono stati trovati carenti all’altra estremità del campo.

Ciro Immobile ha provato a dare il ritmo con un tiro all’interno dell’area di rigore dopo che Rui Patricio aveva respinto un tiro a distanza di Lorenzo Insigne.
Altre occasioni sono arrivate ad Alessandro Florenzi, Leonardo Bonucci e Federico Chiesa, ma ognuno ha trovato il modo di mancare l’obiettivo e perdendo l’intensità iniziale mostrando con poca convinzione di mettere a segno un risultato positivo, giocando una seconda metà molto più prevedibile.
L’unica consolazione per gli italiani è che hanno fatto abbastanza nei loro quattro incontri per mantenere un posto nel livello più alto della Nations League.

Lascia un commento